Il ‘Don Anselmo 2016’ tra i 12 rossi migliori d’Italia (VideoNews)

C’è anche il lucano “Don Anselmo 2016” Aglianico del Vulture Docg della Cantina Paternoster di Barile (Potenza), tra i 12 migliori vini rossi d’Italia del 2022.

Il riconoscimento è arrivato dalla prima edizione pugliese dei “Golden Wine Awards” di Food and Travel Italia, edizione italiana del magazine internazionale edito in 18 Paesi sul tema dell’enogastronomia e dei viaggi gourmet, andati in scena ieri presso Tenuta Moreno, a Mesagne (Brindisi). A decretare i vincitori – è spiegato in un comunicato – sono state le valutazioni di due giurie di esperti del settore e delle redazioni di Food and Travel Italia e Wine and Travel, in aggiunta ai voti dei lettori. Nel corso della serata, il “Don Anselmo 2016” stato premiato con il “Golden wine”. A ritirare il riconoscimento, l’enologo dell’azienda, Fabio Mecca. “E’ – ha sottolineato – un risultato raggiunto grazie ad un importante lavoro di squadra tra vigna e cantina, tra epoca corretta di vendemmia e importanti affinamenti. Il ‘Don Anselmo’ è il ‘papà’ di tutti i vini lucani e il fatto che sia stato annoverato tra i migliori vini rossi d’Italia nel corso di quest’anno è il raggiungimento di un traguardo e l’inizio di un nuovo percorso”.
    Soddisfazione è stata espressa dai titolari dell’azienda alle porte di Barile. “E’ un importante successo che – ha messo in evidenza Pierangelo Tommasi – premia in maniera netta il lavoro che da sempre l’azienda Paternoster fa nel Vulture e per il Vulture, un progetto nel quale la famiglia Tommasi crede da sempre per le sue infinite potenzialità”.
    L’azienda Paternoster nasce a Barile nel 1925 ad opera di Anselmo Paternoster, ed è ora giunta alla quarta generazione.
    Conta 20 ettari tutti nel comune di Barile, cuore dell’Aglianico del Vulture, gestiti in regime biologico ormai da 15 anni. Nel 2016 la famiglia Tommasi acquisisce la maggioranza. L’azienda è arrivata ad esportare nei più importanti mercati del vino mondiali, quali America, Giappone, Canada e Israele. A breve “inizieranno – è annunciato nel comunicato – i lavori di ristrutturazione della villa del barone Rotondo nel quale sorgerà un ristorante di lusso dove sarà possibile degustare tutti i vini del gruppo Tommasi “