ilmimmo

Di Maio rinnega se stesso : ” sbagliato uscire dall’Euro”

Ad oggi dopo sei anni, non è tanto il personaggio o il contenuto , con tutte le “paraculate” alla nazione, ma è la curiosità di vedere fin dove si arriva “con l’imbecillità” della gente …Di Maio è un furbo, “faccetta pulita” con furore dalla Terra dei Fuochi della Camorra, diventato una delle più alte carica dello Stato con 150 euro di campagna elettorale. Come è un furbo il Diba e tutti gli altri sistemati. Invece la mia curiosità è vedere fin dove si arriva con “il lavoro a vuoto” dei militanti locali (magari in buona fede pochi)  e fin dove arrivano tutti “quei deficienti” che seguono questi impostori .

Quindi per non smentire a se stesso e a “tutte le paraculate” di sei anni verso gli italiani , oggi contrordine per i grillini. Come recita la nota stampa e anche dal Giornale , l’uscita dell’euro non è più una priorità, anzi non serve proprio. Luigi Di Maio, ospite a Porta a Porta (trasmissione che il Movimento 5 Stelle ha chiesto di chiudere per la campagna elettorale e che non dovevano mai andarci ), rinnega se stesso.

“Io non credo sia più il momento per l’Italia di uscire dall’euro perché l’asse franco-tedesco non è più così forte, e spero di non arrivare al referendum sull’euro che comunque per me sarebbe un’estrema ratio”, ha dichiarato il candidato premier pentastellato.

Che poi ha aggiunto: “Noi diamo 20 miliardi di euro alla Ue, dobbiamo contare e andare a quei tavoli per cambiare le regole”. Neanche un mese fa, Di Maio aveva detto l’opposto: “Se si dovesse arrivare al referendum è chiaro che io voterei per l’uscita, perché significherebbe che l’Europa non ci ha ascoltato”.

Poi, in merito al post-elezioni, il grillino ha spiegato: “Il nostro appello sul programma sarà ai gruppi politici, non ai singoli parlamentari: non stimolo e non voglio cambi di casacca. Chi sarà favorevole quella sera, parteciperà a degli incontri pubblici, trasparenti sul nostro programma di governo”. Insomma, qualora i Cinquestelle non raggiungessero il 40% ma fossero comunque primi, allora si aprirebbe il tavolo delle alleanze. Poi l’avvertimento al capo dello Stato: “Io credo che il Presidente della Repubblica debba dare l’incarico a chi ha una maggioranza”.

Per quanto riguarda il caso rifiuti a Roma, Di Maio si è scagliato contro i governatori del Pd rei – a suo dire – di usare la Capitale per fare campagna elettorale. “La regione Emilia ha un costo di 180 euro a tonnellata, l’Abruzzo di 1590 euro a tonnellata. Noi per far risparmiare i romani scegliamo la Regione che ha meno costi. I presidenti di Emilia, Abruzzo e Lazio sono dello stesso partito, usano i romani per la campagna elettorali”.

Luigi di Maio bacia la teca contenente il sangue di San Gennaro nel Duomo di Napoli, Napoli 19 Settembre 2017.
ANSA / CESARE ABBATE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *