Social media e depressione: c’è un legame?

Una relazione c’è, ma non necessariamente di causa-effetto. Uno studio smentisce un diffuso luogo comune su disturbi dell’umore e rapporti virtuali.
Si sente spesso parlare di un’epidemia di depressione tra i teenager dovuta sopratutto al crescente isolamento da social media. Ma il discorso è vero solo in parte: secondo una revisione sistematica degli studi sul tema, tra tempo passato online e fenomeni depressivi c’è un debole legame che non è, come ci si potrebbe aspettare, di causa-effetto.

CHE COSA VIENE PRIMA? Un gruppo di psicologi del King’s College London (Gran Bretagna) ha analizzato 11 studi su social media e depressione nei ragazzi fino ai 18 anni, con dati su 12.646 volontari. Una piccola, ma statisticamente significativa relazione tra social e depressione c’è, ma gli studi non dicono se i disturbi dell’umore siano l’origine, o la conseguenza del tempo trascorso online. Potrebbe cioè darsi che i ragazzi più inclini a depressione tendano più facilmente a cercare online il supporto e la compagnia di cui hanno bisogno.
Internet nella vita reale

IL GIUSTO PESO. Un altro punto di debolezza di questi studi è il fatto che i dati sulle ore trascorse nel mondo virtuale siano spesso forniti dai partecipanti stessi. La ricerca, precisano gli autori, non vuole certo negare la pericolosità dell’isolamento dovuto a una vita spesa sempre di più sullo schermo degli smartphone – con i rischi a essa connessa: dal cyber bullismo alla mancanza di creatività e interazione sociale. Ma allo stesso tempo rappresenta un invito a non leggere con superficialità gli studi sul tema.

DIFFIDENZA VERSO IL NUOVO. Le reazioni ai cambiamenti tecnologici sono spesso esagerate: nel 19esimo secolo si attribuiva ai movimenti “innaturali” indotti dal treno l’insorgere di una sorta di nevrosi. Allo stesso tempo, l’adolescenza è un’età delicata, e sono spesso i teenager i protagonisti delle trasformazioni portate dalle nuove tecnologie. L’aumento di sensibilità sul tema della depressione potrebbe essere una delle cause della presunta crescita di questi fenomeni. (fonte)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.