ilmimmo

“i fine settimana della morte” …Range e dati da guerra …In Italia

Chi si interessa di informazione e vive con la stessa per lavoro, sicuramente avrà notato “una strana coincidenza” (se vogliamo così chiamarla) , ma sarò breve e sintetico…

Mentre abbiamo in Italia degli irresponsabili , sopratutto nell’infelice ruolo di “genitore” e a loro volta figli di altri irresponsabili , di seguito vi elenco delle “coincidenze” che si sono nuovamente evidenziate in questo fine settimana.

  • altre vittime travolte e uccise per strada in Italia “nelle movide” del sabato notte;
  • altre vittime travolte e uccise per strada da “neo patentati” tutti tra i 18 e 20 anni;
  • altre vittime travolte e uccise per strada da “neo patentati” tutti tra i 18 e 20 anni e tutti che andavano ad alta velocità;
  • altre vittime travolte e uccise per strada da “neo patentati” tutti tra i 18 e 20 anni e tutti che andavano ad alta velocità e nella maggioranza dei casi con macchine nuove di grossa cilindrata;
  • altre vittime travolte e uccise per strada da “neo patentati” tutti tra i 18 e 20 anni e tutti che andavano ad alta velocità e tutti, nella maggioranza dei casi , hanno rischiato il linciaggio;

Quindi come vedete è facile da capire il target ma la cosa strana che tutti hanno rischiato il linciaggio: sarebbe stato più opportuno linciare i genitori secondo me…E se andiamo ad indagare , sono gli stessi buonisti per “accogliere chi scappa dalle guerre” quando le “vittime di una guerra” sono di più in Italia, se pur “a rate settimanali” …

E anche questa volta , sicuramente, c’è stato qualcuno che ha pronunciato la fatidica frase che alimenterà altre vittime : “andiamo a casa , non ti preoccupare, non è successo niente” …

Al posto di pestarlo di botte , che il “pargolo non deve dimenticare fino alla morte”, si deve preservare l’aspetto psicologico per uccidere altre persone , magari con altra macchina nuova fiammante, fino a quando anche questi pargoli diventeranno “l’esempio” come padri e madri !

entradessodoogle

incidente-7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *